cannella

Cannella: un ottimo alleato contro il diabete e i radicali liberi

Il diabete è una malattia caratterizzata livelli di glicemia sanguigna alterati. Le conseguenze di questo mal funzionamento, se non opportunamente trattato, coinvolgono malattie cardiache e renali e danni al sistema nervoso. Il diabete viene trattato attraverso la somministrazione di farmaci e iniezioni di insulina. Tuttavia, la dieta, è un elemento importante per controllare l’andamento della patologia. La dieta di un diabetico comprende cibi a basso contenuto di zuccheri onde evitare un accumulo nel sangue dovuto all’incapacità del corpo di smistarli velocemente. Un alleato in questo senso è costituito da una semplice spezia, spesso sottovalutata: la cannella.

Le proprietà benefiche della cannella

La cannella è una spezia piuttosto comune ricavata dall’essiccazione della corteccia dell’albero Cinnamomum, utilizzata per migliaia di anni nella medicina tradizionale e per la conservazione dei cibi.

La caratteristica principale di questa spezia è la presenza di antiossidanti, seconda solo ai chiodi di garofano. Gli antiossidanti aiutano il corpo a ridurre lo stress ossidativo, implicato nello sviluppo di quasi tutte le malattie croniche, compreso appunto il diabete.

Inoltre la cannella ha un effetto simile all’insulina. Essa infatti riduce i livelli di zucchero nel sangue coadiuvando il trasporto dello stesso nelle cellule. Ma non solo. La cannella fa da amplificatore dell’effetto delle iniezioni di insulina, sensibilizzando il nostro organismo, con il risultato di ridurre il numero di iniezioni necessarie.

Cannella ceylon e cannella cassia

Tuttavia, quando si parla di cannella, non viene fatta alcuna distinzione fra le qualità esistenti in commercio. In particolare questa può derivare da due piante diverse: Cinnamomum Cassia e Cinnamomum vera. Come dicono già i nomi, la cannella derivante dalla seconda pianta, è LA cannella, anche detta ceylon, più pregiata, più costosa e quindi di qualità superiore, anche rispetto alle proprietà in termini di salute. La cannella cassia, al contrario è di più facile reperimento ma contiene anche una sostanza, la cumarina, potenzialmente dannosa, soprattutto se assunta in grandi quantità.

Consigliamo quindi per i diabetici e per le persone che potrebbero soffrire di ipoglicemia, di consultare un medico per i quantitativi e la frequenza delle dosi da utilizzare.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.