Articoli

Ricetta: Keto-Frullato con Avocado

,

Una ricetta veloce per un gustoso Keto-Frullato con Avocado

Di seguito vi proponiamo un keto-frullato con avocado, semi di chia e cacao. Un ottimo spunto per intraprendere una dieta chetogenica in quanto contiene alimenti proteici e tanti grassi sani, pur essendo a basso contenuto di carboidrati.

Dieta Chetogenica

Avete probabilmente sentito parlare di dieta chetogenica. Si tratta di una dieta iperproteica che si basa sul concetto di chetosi. Riducendo al minimo l’assunzione dei carboidrati e aumentando quella di proteine e grassi si costringe il corpo ad attingere agli accumuli di grasso e utilizzarli a scopi energetici. Questa dieta consente infatti di perdere peso piuttosto in fretta e senza perdere massa muscolare. Tuttavia non è consigliato seguirla per periodi prolungati in quanto si attua un eccessivo lavoro da parte di fegato e reni per eliminare l’azoto.

Ingredienti:

  • 1 tazza di latte di cocco
  • mezzo avocado congelato
  • 1 cucchiaio di burro di frutta secca a scelta
  • 1 cucchiaio di semi di chia, imbevuto in 3 cucchiai di acqua per 10 minuti
  • 2 cucchiaini di cacao in polvere
  • per guarnire: pennini di cacao e cannella
  • aggiungere un po’ d’acqua (se necessario)

Procedimento:

Unisci tutti gli ingredienti in un frullatore e frulla finché  il composto non sarà omogeneo. Aggiungi la cannella e i pennini di cacao.

Benefici:

Il latte di cocco contiene un grasso sano chiamato acido laurico che viene facilmente assorbito e utilizzato dal corpo per produrre energia. E’ un ottimo alimento dietetico che aiuta a ridurre i livelli di colesterolo, oltre che migliorare la pressione sanguigna e prevenire attacchi di cuore e ictus. I semi di chia contengono acidi grassi essenziali, oltre a vitamine A, B, E e D e minerali tra cui ferro, magnesio, niacina e tiamina. Il cacao in polvere è anch’esso molto salutare e ricco di nutrienti che aiutano a migliorare la struttura muscolare e la funzione nervosa. L’aggiunta di avocado a questo frullato darà una deliziosa consistenza cremosa oltre che essere un’ottima fonte di grassi sani.

 

Caffè verde vs tè verde

,

Caffè verde vs tè verde: quale presenta le migliori qualità

Il caffè verde e il tè verde sono particolarmente in voga al momento poiché aiutano a ridurre il peso corporeo. L’obesità è di per sé una minaccia perché conduce a molte malattie mortali quali ictus, problemi cardiaci, diabete e altre condizioni gravi. Praticare esercizio regolarmente e condurre una dieta sana, sono sicuramente il modo migliore per sbarazzarsi dei chili di troppo. Per ridurre il peso più velocemente e in maniera efficace possiamo però affiancare queste bevande dai fantastici benefici: che sono appunto caffè verde e tè verde. Vediamo le principali caratteristiche e differenze del caffè verde vs tè verde qui sotto.

Che cosa è il caffè verde?

La differenza tra caffè verde e caffè normale è che i chicchi di caffè verde non sono stati lavorati o arrostiti (e per questo sono ancora verdi), mentre il caffè che beviamo regolarmente viene tostato per aggiungere colore, sapore e aroma. Il caffè verde, a differenza del caffè classico, è ricchissimo di antiossidanti. Il chicco non ancora tostato ha un’altissima quantità di acido clorogenico (CGA), un polifenolo, utilissimo per la perdita di peso.

Che cosa è il tè verde?

Il tè verde è un tè che si trova in polvere, originario dell’Asia sud orientale e da secoli conosciuto come bevanda della salute poiché apporta grandi benefici al corpo umano. Esso viene ricavato dalle foglie giovani di Camellia sintetis che vengono coltivate all’ombra, vaporizzate e lasciate decantare. Tramite il processo della cottura al vapore viene mantenuta la molecola polifenolo, che svolge un’azione antinfiammatoria e antitumorale. Il tè verde è, infatti, in grado di proteggerci contro i tumori della pelle.

BENEFICI

Caffè verde

  • Ricco di antiossidanti e polifenoli
  • Aiuta a combattere il diabete
  • Azione tonica prolungata
  • Contenuto di caffeina minore rispetto al caffe tradizionale
  • Aiuta nella perdita di peso
  • Fonte di vitamine e sali minerali

Tè Verde

  • Tonico ed energizzante
  • Diuretico e drenante
  • Depurativo e antiossidante
  • Azione antinfiammatoria e antitumorale
  • Aiuta nella perdita di peso
  • Antibatterico

Perchè non provare Caffè Verde del Dr Giorgini? Utile come coadiuvante di diete ipocaloriche per la riduzione del peso corporeo.

 

 

 

Aceto di sidro di mele: un cucchiaio e tutti a nanna!

,

L’aceto di sidro di mele è chiaramente aceto, quindi non bisogna aspettarsi che abbia un sapore o un odore gradevolissimi. Ha però importanti proprietà che lo rendono un alleato della dieta, sella pulizia e della salute in generale. Come? Basta berne un pochino la sera prima di andare a letto per vedere un sacco di benefici.

Combatte indigestioni e reflusso acido

Se si ha mangiato pesante o si tende a far fatica a digerire, con conseguenze sul sonno notturno, l’aceto di sidro di mele è la soluzione. Combatte gonfiore, gas, nausea e perfino il reflusso acido. Basta mescolare un cucchiaino di aceto con un cucchiaino di miele in un bicchiere d’acqua tiepida, da bere 30 minuti prima di andare a dormire.

Alito cattivo

L’alito cattivo dipende da batteri presenti nel cavo orale e nel primo tratto. Per liberarsene basta usare aceto di sidro di mele che ha un forte potere antibatterico. Un cucchiaio da tenere in bocca qualche secondo e poi mandare giù per risolvere il problema.

Mal di gola

Le proprietà antibatteriche dell’aceto di sidro di mele annientano anche i batteri responsabili del mal di gola. Basta berne un cucchiaio mezz’ora prima di coricarsi e un altro appena prima di andare a letto.

Naso chiuso

L’aceto di sidro di mele è ricco di vitamina E, A, B1, B2, di magnesio e di potassio. Aiuta i seni a rimuovere il muco presente in eccesso. Bere un bicchiere d’acqua con un cucchiaino d’aceto prima di andare a dormire.

Regola lo zucchero nel sangue

L’aceto aumenta la sensibilità all’insulina e abbassa lo zucchero nel sangue. Per ottenere l’effetto desiderato è necessario prenderne 2 cucchiaini prima di andare a letto ogni notte. In caso di trattamento farmacologico del diabete consultare il medico prima di iniziare questa pratica.

Singhiozzo

Un fastidioso singhiozzo che non si riesce a mandare via? Basta un cucchiaino da te di aceto di sidro di mele.

Crampi notturni

I crampi sono dovuti a carenze di potassio e l’aceto di sidro di mele ne è ricco. Per questa ragione, ristabilirà l’equilibrio e attenuerà i sintomi. Bastano due cucchiai in un bicchiere d’acqua tiepida prima di andare a letto.

Perdita di peso

L’aceto riduce l’appetito in quanto contiene pectina, che invia un segnale di sazietà al cervello. Previene anche l’accumulo di grasso nel corpo. Basta aggiungere un cucchiaino da tè ad una tazza di acqua e berlo prima di andare a letto. Per accumuli di grasso e cellulite, può essere applicato anche direttamente sulla zona interessata con una frizione di qualche minuto.

Carenza di magnesio: quanto assumerne e come

,

La carenza di magnesio è una condizione pericolosa per il nostro organismo e non di facile individuazione. Spasmi muscolari e crampi notturni possono indicare una carenza di magnesio che sul lungo periodo può incidere su altre patologie come malattie cardiache, diabete, pressione alta, ansia, depressione, emicrania e osteoporosi. Difficile è identificare una carenza di magnesio però, perché solo l’1% del magnesio immagazzinato nel nostro organismo è disponibile a livello circolatorio, mentre per la maggior parte è stipato a livello dello scheletro osseo.

Carenza di magnesio e fabbisogno giornaliero

Il magnesio è funzionale per diverse attività del nostro organismo. Il magnesio promuove denti e ossa forti, agisce come un diluente naturale del sangue e può anche aiutare a prevenire il diabete. È fondamentale per mantenere la normale funzionalità muscolare e nervosa e mantenere il sistema respiratorio sano. Per questa ragione è facile esserne carenti se la dieta non integra il fabbisogno quotidiano, che si aggira sulle seguenti quantità:

  1. 14 a 18 anni – maschi: 410 mg / femmine: 360 mg
  2. 19 a 30 anni – maschi: 400 mg / femmine: 310 mg
  3. 31 anni – maschi: 420 mg / femmine: 320 mg

Lista di alimenti ricchi di magnesio

Per prevenire una carenza di magnesio è quindi possibile, semplicemente, assumere alimenti che ne sono ricchi, come:

  • Spinaci – 80 mg di magnesio per 100 gr
  • Bietola – 70 mg di magnesio per 100 gr
  • Semi di zucca – 592 mg di magnesio per 100 gr
  • Mandorle –  281 mg di magnesio per 100 gr
  • Fagioli neri – 171 mg di magnesio per 100 gr
  • Avocado – 29 mg di magnesio per 100 gr
  • Fichi – 17 mg di magnesio per 100 gr
  • Banane – 27 mg di magnesio per 100 gr
  • Yogurt o kefir – 13 mg di magnesio per 100 gr

E sì è proprio il caso di dirlo: dulcis in fundo:

  • Cioccolato fondente amaro – 327 mg di magnesio per 100 gr